Respinte oltre 95 per cento domande asilo: meno del 5% i veri profughi!

Condividi!

A Busto Arsizio, per una parte dei sedicenti profughi ospiti a spese nostre in città si è concluso l’iter della commissione di valutazione sullo status di rifugiato.

Su 53 richieste esaminate, appena tre immigrati sono stati riconosciuti come asilanti, e dunque hanno le carte in regola per restare legalmente nel nostro paese. Gli altri cinquanta sono, appunto, semplicemente “clandestini”.

Ladri che hanno rubato la nostra ospitalità per mesi, alcuni oltre un anno.

Ma non finisce qui, perché le coop che li ospitano hanno già fatto intervenire i loro avvocati (a spese nostre). Così, i cinquanta hanno presentato ricorso al tribunale ordinario, che si pronuncerà non prima di un anno: nel frattempo, i clandestini continueranno ad essere ospitati in hotel a spese nostre. Osceno.

Si sa dall’inizio che sono clandestini. Ma si tende ad allungare il loro soggiorno: così le coop del PD e del Vaticano succhiano i nostri soldi.




Lascia un commento