Commercio di bambini abortiti: “Ti vendo gli organi per una Lamborghini” – VIDEO CHOC

Condividi!

Nel secondo video diffuso oggi dal Center for Medical Progress, un altro consulente medico della famigerata Planned Parenthood of America (entità semi-governativa che si occupa di aborto) è ripreso da telecamere nascoste, mentre negozia il prezzo di vendita di parti del corpo del bambino a quelli che crede siano due compratori, e invece sono attori sotto copertura, ingaggiati da CMP e interpretano imprenditori di una start-up biotech.

Il Dr. Mary Gatter, Presidente del Consiglio della direzione medica di PPoA chiede: “Che cosa vi aspettate per il tessuto intatto?”

Gatter comincia a contrattare immediatamente, “Perché non cominciate a dirmi quello che siete abituati a pagare?”

Alla fine, il medico accetta di vendere le parti del corpo del bambino per 75 dollari.

Quando l’acquirente le dice che il numero sembra troppo elevato, Gatter risponde: “Stavo per dire 50.”

Dopo il primo video che è stato rilasciato la scorsa settimana in cui il Dr. Deborah Nucatola appare mentre negozia il prezzo di parti del corpo di un feto, Planned Parenthood ha insistito che il prezzo citato riguardava solo le spese sostenute da Planned Parenthood, senza scopo di lucro.

In questo secondo video, girato nel mese di febbraio in un ristorante a Pasadena, Gatter sembra cercare di ottenere un prezzo sempre più alto.

Cosa c’è di più, all’inizio del video, parla di una situazione precedente in cui una società denominata Novogenix veniva alla sua clinica per aborti a comprare campioni: “Heather, una persona Novogenix venivain clinica e il nostro personale aveva la firma dei pazienti per ottenere il consenso. E poi Heather guardava il tessuto e prendeva quello che aveva richiesto. Così logisticamente è stato molto facile per noi. Non avevamo di fare nulla “.

Alla fine del video, come Nucatola, Gatter parla di cambiare la tecnica dell’aborto per ottenere campioni intatti, si passa da un metodo di aspirazione piuttosto violento che avrebbe distrutto il tessuto, a quello che lei chiama un IPAS, che è un riferimento a una società senza scopo di lucro che fa e distribuisce “aspiratori sottovuoto manuali” che sarebbe un modo meno dannoso per arrivare ad ottenere gli organi interni intatti del feto.

Lo definisce un metodo “meno croccante” per ottenere organi intatti.

Alla fine del nastro fornito da CMP, Gatter scherza di voler “una Lamborghini” per le parti del corpo.

Ormai siamo al commercio di bambini. Li comprano i gay per fingersi genitori. E li comprano a pezzi le multinazionali per i loro esperimenti. E’ il progresso.

Secondo i media di distrazione di massa è progresso raccattare i figli degli altri in mare, ed eliminare i propri vendendoli poi a pezzi alle multinazionali.

Noi abbiamo un altro concetto di progresso.

PER APPROFONDIRE:

 




Lascia un commento