Miliziani ISIS stuprano 15enne: ma lei ha l’Aids…

Condividi!

Il miliziano indonesiano aveva donato il sangue ai commilitoni pur sapendo di avere l’Aids.

Un 30enne jihadista egiziano a cui era stato dato il sangue si è infettato, a sua volta infettando con la sua giovane schiava sessuale di appena 15 anni.

Poi, come un frutto velenoso, due combattenti sauditi si sono infettati dopo avere violentata la ragazza.

Un’indagine condotta dai sanitari di ISIS ha permesso di individuare l’indonesiano come fonte della malattia.

L’epidemia è stata scoperta e bloccata solo quando ad infettarsi è stato uno dei comandanti locali di ISIS dopo che, anche lui, aveva violentata la ragazzina.




Lascia un commento