AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Scienziato: “Umanità estinta entro 100 anni, per…”

Vox
Condividi!

Il famoso scienziato australiano Frank Fenner, che ha contribuito alla eradicazione del vaiolo, prevede che gli esseri umani saranno probabilmente estinti entro 100 anni, a causa della sovrappopolazione e conseguente distruzione ambientale.

Fenner, che è professore emerito di microbiologia presso l’Australian National University (ANU) di Canberra, ha detto che l’homo sapiens non sarà in grado di sopravvivere all’esplosione demografica e al “consumo sfrenato,” e si estinguerà, forse entro un secolo, insieme a molte altre specie.

Questo andrebbe spiegato ai fanatici del ‘solo i migranti evitano il calo della popolazione residente‘.

worldpopulat

La popolazione umana è 6,8 miliardi, e si prevede arrivi a sette miliardi l’anno prossimo. Non certo per ‘colpa’ nostra.

Vox

demografia

Secondo Fenner la situazione è irreversibile, ed è troppo tardi perché gli effetti che abbiamo avuto sulla Terra dall’ industrializzazione in poi (un periodo ormai noto agli scienziati come Antropocene) è simile agli effetti delle glaciazioni o a impatti di comete.

Devastante.

“Faremo la stessa fine del popolo dell’isola di Pasqua,” ha detto. Più persone significa meno risorse, e Fenner predice “ci saranno molte più guerre per il cibo.”

Andatelo a spiegare ai fanatici dell’immigrazione.




Un pensiero su “Scienziato: “Umanità estinta entro 100 anni, per…””

  1. Azzeramento delle nascite in Africa e il rischio si elimina. L’unica area del pianeta in cui la popolazione cresce in maniera esponenziale é quella, perché mentre in Europa la crescita demografica é zero o in declino, in Asia, America e Oceania é costante ma più lenta rispetto al passato, solo in Africa gli elementi che la popolano proliferano come le zanzare.

I commenti sono chiusi.