Accordo UE: li porteranno tutti in Italia!

Condividi!

I rappresentanti dei 28 paesi UE, riuniti nel Comitato politico e di difesa (Cops), hanno approvato all’ unanimità il piano operativo della missione militare Ue contro i trafficanti di esseri umani EuNavFor.

L’ennesima sigla roboante per coprire il nulla cosmico.

Il piano operativo di EuNavFor prevede interventi “nelle acque territoriali, nelle acque interne e sulla costa” libica per distruggere la rete dei trafficanti.

Il principale obiettivo sarà l’approfondita raccolta di informazioni sul network dei trafficanti, usando droni, satelliti ed i mezzi di ascolto elettronici di cui sono dotate le navi militari.

In questa fase, seguendo le norme del diritto del mare, i mezzi impiegati nell’operazione potranno essere chiamati a salvataggi di barconi in difficoltà. Col passaggio alla seconda fase, che dovrà essere chiesto dal comandante dell’operazione, comincerebbe invece la caccia attiva – sempre in acque internazionali – ai mezzi dei trafficanti, l’arresto degli scafisti oltre al salvataggio dei migranti.

Significa che i clandestini li andranno anche a cercare! Il che moltiplicherà gli arrivi invece di limitarli.

E sarà solo l’Italia a prenderseli. Infatti:

Tra i 28, specificano le fonti, è stato concordato che anche per i salvataggi con i mezzi militari (che legalmente sono territorio dello stato di cui battono bandiera) varranno le regole d’ingaggio applicate per l’Operazione Triton. I migranti saranno trasportati “nel primo porto sicuro”.

Tutti in Italia. Ennesimo grande risultato dell’etnoleso.




Un pensiero su “Accordo UE: li porteranno tutti in Italia!”

Lascia un commento