Poliziotti: “A noi pastina in piedi, ai profughi pranzo in hotel”

Condividi!

Il governo maltratta gli agenti destinati al servizio ai seggi: per loro solo 26 euro per mangiare, contro i 35 dei sedicenti profughi

Il sindacato Ugl denuncia: “Per i profughi 30 euro al giorno, per pranzo e cena degli agenti, metà soldi. Per le due giornate di elezioni – attacca Raffaele Padrone – non sono stati trovati ristoranti che possano emettere la fattura elettronica, pertanto l’amministrazione dello Stato ha dovuto cercare aziende che possano disporre di catering per gli agenti dislocati ai seggi”. E ancora: “L’offerta che i ristoratori, per i poliziotti, potevano formulare, non doveva superare i 26 euro giornalieri, comprensivi di pranzo e cena”.

VERIFICA LA NOTIZIA
Sarà un menù da ospedale: pastina in brodo, gallina bollita, formaggio stracchino, verdure cotte, patate, frutta cotta o passata, riso al burro, ricotta, purè di patate, tortellini in brodo.

“Ecco – conclude Padrone – a noi la dieta salutista sui tavolini della scuola perché non possiamo allontanarci dai seggi nemmeno per un pranzo a spese nostre, ai profughi menù servito in albergo, e magari secondo i canoni della loro religione”.




Un pensiero su “Poliziotti: “A noi pastina in piedi, ai profughi pranzo in hotel””

Lascia un commento