Rovigo: Kyenge e candidata sindaco vogliono ‘centro di accoglienza’ in città

Condividi!

Rovigo – Stadio Battaglini, Centro di ascolto di Borsea e piazza Vittorio Emanuele sono state le tre tappe della visita a Rovigo della Kyenge, ieri, a Rovigo.

La ‘democratica’ era venerdì in città a parlare delle opportunità e dei finanziamenti per chi accoglie clandestini. Opportunità e soldi per coop e parassiti del sociale che si spacciano per Onlus, non certo per i cittadini.

La congolese era insieme alla candidata sindaco Nadia Romeo e al segretario provinciale del Pd Julik Zanellato, la Kyenge ha visionato il centro di ascolto “Don Oreste Benzi” – e qualcuno, in città, già trema all’idea di vederlo trasformato in un centro profughi per clandestini.

Timore confermato dalla parole della responsabile: “Vorremmo tanto avere un centro di accoglienza – ha chiesto la responsabile – abbiamo un sacco di progetti lavorativi che sono attuabili con veramente poco”.

E la Kyenge ha subito espresso la propria approvazione, parlando dell’esempio del famigerato progetto “Padova accoglie” e ha ribadito la necessità di avere una buona amministrazione comunale: “Rovigo deve aprirsi al mondo – ha dichiarato in seguito in conferenza stampa nella sede del comitato elettorale di Nadia Romeo”.

Cittadini di Rovigo, la candidata PD vuole aprirvi al mondo con un bel centro di accoglienza. A voi la scelta.




Un pensiero su “Rovigo: Kyenge e candidata sindaco vogliono ‘centro di accoglienza’ in città”

Lascia un commento