L’Ue svela il piano: ‘negrizzare’ l’Europa con altri 20.000 clandestini

Condividi!

Che la Ue fosse una entità criminale antidemocratica con l’obiettivo di distruggere la nazioni europee era evidente a chiunque avesse un neurone in più di Renzi, ora, il loro ‘piano migranti’ si svelano. Agli euroburocrati, in realtà esecutori di piani concepiti molto più in alto di loro, non interessa bloccare l’invasione in atto dall’Africa: interessa utilizzare l’Italia come hub per la negrizzazione del continente.

E’ evidente quale sia l’idea che sottende il piano, quando si sente parlare di ‘reinsediare rifugiati dall’Africa in Europa’. Secondo il ‘progetto’, saranno 20mila i clandestini che saranno reinsediati nei Paesi Ue e all’Italia ne toccherebbero oltre 2mila, lo ha annunciato la nota incapace Mogherini. Che poi ha smentito, dicendo che l’Italia ha già superato la quota.

E questi sono ‘nuovi clandestini’, non quelli già presenti in Italia. Non bastano quelli qui, ne vogliono prendere altri. E questo, non tenendo conto che le previsioni degli sbarchi sono molto più alte. Chi se li prende, quelli in più? Ma l’Italia, ovvio.

Insomma, non un ‘piano’, ma un progetto criminale. Oltretutto pasticciato, come nella tradizione Ue.

Ovviamente i governi – a parte il nostro – rifiuteranno, giustamente, il piano di smistare quelli già presenti in Italia: non è colpa loro, se i nostri marinai sono dei fanatici coccolaclandestini. La soluzione è semplice: ricollocarli in Africa, come ha detto il governo britannico. Magari in Uganda, come fa Israele. Non certo un Paese nazista.




Lascia un commento