Finge aborto per vendere neonato a coppia gay

Condividi!

Una donna incinta ha ingannato il proprio partner, convincendolo che aveva subito un aborto, in modo da poter vendere il suo bambino non ancora nato ad un amico gay. La donna di 29 anni, da Perth, Perthshire, avrebbe dovuto intascare qualche centinaio di euro dall’osceno mercato, con la vendita di suo figlio non ancora nato ad un gay di 35 anni.

I due, la donna e il gay, hanno orchestrato un inganno molto elaborato in modo da convincere il padre che il bambino non fosse mai nato.

La madre ha poi dato alla luce il bambino nel febbraio 2011, registrandolo come figlio del suo amico gay e un’altra donna in realtà inesistente. L’inganno è andato avanti per quasi tre anni.
I due avevano anche creato un profilo Facebook falso della donna immaginaria, chiamata Clare Green, descritta come la ‘madre surrogata’ del bambino del gay.

La madre e il gay sono ora sotto processo. Altri, invece, fanno questi traffici legalmente. E questo è ancora peggio.




Lascia un commento