Paraplegico dopo rapina ‘migrante’: per lui niente pensione da ‘profugo’

Condividi!

Ieri, durante la visita a Prato insieme al candidato vice-governatore Donzelli, la Meloni ha fatto visita a Gianmichele Gangale.

L’uomo, residente ad Agliana, è paraplegico da quando, nel 2013, è stato vittima di una rapina compiuta da quattro albanesi. Li sorprese in casa, lo accoltellarono. Due di questi sono stati condannati ad una decina di anni di carcere. Gli altri a pene inferiori.

“Noi vogliamo accendere i riflettori sul suo caso, emblema del grande paradosso dell’Italia che si occupa di tutti ma mai degli italiani”, ha scritto la Meloni.

Il caso è veramente tragico. Perché, non essendo appena sbarcato, Gianmichele Gangale non ha alcun sostegno dallo Stato, quel sostegno che renderebbe orgogliosi i cittadini di pagare le tasse.

Nessun risarcimento, nessuna agevolazione. Stato e Regione totalmente assenti.




Lascia un commento