Comune toglie palestra a ragazzi per darla ai ‘profughi’: che cagano sul campo di basket

Condividi!

UDINE – Protestano i genitori dei ragazzi che fanno sport, il Comune ha tolto la palestra ai loro figli per destinarla come alloggio ai sedicenti profughi.

Nei giorni scorsi il sindaco del PD Furio Honsell ha deciso di aprire la palestra Vecchiato di via San Pietro, a Sant’Osvaldo. Tanto lui non la frequenta.

Così le famiglie degli adolescenti che di solito giocano a pallacanestro in quella struttura hanno scoperto con poche ore di preavviso (martedì alle 20 per il mercoledì successivo) che l’allenamento era stato annullato. Il flusso continuo di clandestini inviati da Renzi in arrivo nel capoluogo friulano ha ricadute dirette sui cittadini.

«Per la seconda volta in pochi mesi, la Vecchiato è diventata un alloggio temporaneo per profughi. È stato così tolto spazio – senza alcun preavviso – ai nostri figli che sono tesserati e pagano una quota per un poter fruire di un servizio sociale e costruttivo, nel senso che stanno crescendo all’interno di un gruppo sano e sportivo» dichiara l’udinese Massimo Cernich, padre di uno dei giovani atleti che in quella palestra di solito giocano a basket.

Per la società, come sottolinea ancora il dirigente, «non è così facile avvisare settanta famiglie, tenendo conto degli impegni già presi dai genitori che giustamente si lamentano». Gli allenamenti cominciano alle 14 con le elementari, il minibasket e a seguire gli under 15 e gli under 19. La mattina, inoltre, la palestra viene utilizzata dalle scuole superiori.

«Queste persone sono già state visitate – si domanda ancora Massimo Cernich – stanno bene? L’altra volta avevano lasciato la palestra in modo indecoroso, avevano anche fatto i bisogni sul campo (e per il successivo ripristino vogliamo ringraziare la persona addetta alle pulizie). Non mi sento, dunque, di far fare allenamento e doccia ai ragazzi senza un minimo di garanzie sanitarie».

Incredibile.




2 pensieri su “Comune toglie palestra a ragazzi per darla ai ‘profughi’: che cagano sul campo di basket”

  1. Volevo solo aggiungere che il mercoledì giocano a basket anche i ragazzi disabili della associazione ” Basket e non solo”. Sinceremente sono deluso e disgustato da questi comportamenti poco rispettosi nei confronti di chi da ospitalità a questa gente. Non sono razzista anche se sono di DX ma è ora un pò di finirla con questa integrazione forzata!!! So che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio ma è la seconda, su due volte che gli danno ospitalità alla “Vecchiato” che la lasciano sporca. Non sarebbe ora di finirla e prendere provvedimenti?

Lascia un commento