Paramedici vogliono giubbotti anti-proiettili, elmetti e maschere anti-gas: per entrare in ghetti immigrati

Condividi!

La polizia svedese ha recentemente pubblicato una mappa di 55 ‘zone proibite’ dove le forze dell’ordine hanno ceduto de facto il controllo a bande di immigrati.

Ora il personale delle ambulanze sta chiedendo dispositivi di protezione di livello militare per entrare in queste zone, dal momento che gli attacchi sono sempre più frequenti e gravi. La lista di incidenti varia da gomme tagliate e parabrezza rotti alla violenza fisica con machete e armi da fuoco. Gli autisti vengono ‘accecati’ con i laser verdi nel tentativo di fargli uscire di strada, è un passatempo popolare nelle zone ad alta densità di immigrati, che affligge anche conducenti di autobus, taxi, postini, camion dei pompieri e servizi di consegna.

“Abbiamo bisogno che i paramedici siano preparati quando si entra in queste zone calde”, ha detto il leader sindacale Henrik Johansson. “Hanno bisogno di elmetti antisommossa, giubbotti antiproiettile, parastinchi e armature. Queste sono le attrezzature necessarie per lavorare in questo ambiente. Naturalmente, dobbiamo anche essere dotati di maschere antigas”. Un ambientino ‘niente male’, la società multietnica.

Volete questo anche in Italia?




Un pensiero su “Paramedici vogliono giubbotti anti-proiettili, elmetti e maschere anti-gas: per entrare in ghetti immigrati”

Lascia un commento