Gli amputano la mano perché ‘bianco’ – FOTO

Condividi!

Savage attack: A group of men hacked off six-year-old Baraka Cosmas' right hand on Saturday night

Questa è la prima immagine di un bambino di sei anni, la cui mano è stata barbaramente amputata da sicari africani che raccolgono le parti del corpo di albini da portare agli stregoni che le usano per pozioni da vedere ai loro ricchi clienti.

Baraka Cosma, questo il suo nome, è stato attaccato sabato sera da un gruppo di africani, che hanno preso d’assalto la casa dei suoi genitori in Tanzania occidentale.
I sicari gli hanno amputata la mano destra, davanti a sua madre, Prisca Shaaban.

Gli Albini della Tanzania sono ‘braccati come animali’, venduti dalle proprie famiglie in un commercio alimentato da alcune delle persone più potenti del paese.

Gli africani credono che le loro parti del corpo portino ricchezza e fortuna – e per questo, le persone sono disposte a pagare fino a 3000 o 4.000 dollari per un arto, o tanto fino a 75.000 – circa £ 70.000 euro – per un corpo intero.

Le persone con albinismo sono regolarmente attaccate da persone che tagliano i loro arti – un atto che o li lascia gravemente mutilati, o li porta alla morte.

L’albinismo è una condizione genetica ereditaria che causa una totale assenza di pigmentazione della pelle, dei capelli e degli occhi, e colpisce un tanzaniano su 1.400, spesso a causa di consanguineità in comunità remote e rurali, dicono gli esperti.

In Occidente, colpisce solo una persona su 20.000.

Il caso più recente ha visto un bambino di quattro anni venire rapito dalla sua casa nel mese di dicembre.

Il padre e lo zio sono stati entrambi arrestati in relazione alla sua scomparsa, non è stato più ritrovato. Se lo sono venduto: sarà stato fatto a pezzi per fare ‘pozioni magiche’.

L’albinismo è anche l’occasione di capire come la razza non sia una mera questione di ‘colore della pelle’ – come dicono i superficiali – gli albini africani, che hanno la pelle bianca al limite della trasparenza, rimangono di razza negroide: nessuno, guardando le foto, potrebbe confondersi. La razza è qualcosa di più profondo: dal sistema nervoso a quello muscolare passando per quello intellettivo.

Dal paese del ministro: dove si massacrano e mangiano i Pigmei, per razzismo

E l’Uganda è solo un esempio: accade in tutta l’Africa. E non solo con gli albini, anche con i Pigmei: perché agli africani, la ‘diversità’ non piace.

E’ bene conoscere l’ospite, prima di decidere se farlo entrare.




Lascia un commento