Come in Italia: cantante turco arrestato per ‘vilipendio’

Condividi!

ANKARA – Atilla Tas è stato fermato e interrogato dai magistrati per ‘offese’ contro il primo ministro Ahmet Davutoglu su twitter. E’ stato quindi rimesso in libertà in attesa del processo. Rischia una condanna fino a due anni.

Il cantante, noto oppositore del presidente Erdogan, ha detto: “Mi sento onorato di essere stato arrestato per le mie idee, non ho paura di nessuno” ha aggiunto. Negli ultimi due mesi decine di persone, fra cui molti giornalisti, sono state incriminate per presunte ‘offese’ al presidente Erdogan, noto nemico dei social network.

Del resto, il reato di Vilipendio esiste anche in Italia, ed esiste anche la Legge Mancino che prevede pene anche superiori per chi definisce ‘brutta’ la Kyenge. Siamo a livello della Turchia.




Un pensiero su “Come in Italia: cantante turco arrestato per ‘vilipendio’”

Lascia un commento