‘Padre’ stupra figlio di due mesi e condivide filmato con gruppo di omo-pedofili

Un uomo ha violentato il proprio figlioletto di due mesi e condiviso i filmati in un giro di omo-pedofili. E’ accaduto in Norvegia.
Il ‘padre’ ha ammesso i reati ieri all’inizio di quello che il pubblico ministero ha descritto come uno dei piu’ gravi casi di abusi nella storia del diritto norvegese.

Secondo il Procuratore Kristin Rohne: ‘Le persone coinvolte avevano un interesse sessuale nei bambini molto piccoli.’ Il tribunale di Drammen ha iniziato a monitorare il giro di pedofili scorso anno dopo il ritrovamento di filmati nauseanti dello stupro sul computer di un sospetto.

‘Non sapevamo nulla di questo bambino, ma nel video si poteva sentire il suono delle voci della radio norvegese o della televisione in sottofondo.’ Il video era in possesso di un altro uomo al quale l’avrebbe inviato il filmato il ‘padre’.

Il 34enne era stato precedentemente condannato per aver aggredito sessualmente un minore e distribuito video di abusi sui minori nel 2009. Ma non gli hanno tolto il figlio, magari glielo hanno anche ‘affidato’.

Da Wikipedia:

La legge norvegese consente a tutte le ‘coppie’ di adottare bambini, così come l’adozione di un eventuale figlio del ‘partner’. Per le coppie composte da due donne, è anche possibile l’inseminazione artificiale. La Norvegia è un paese molto gay-friendly. La capitale Oslo in particolare è una città molto accogliente, dove sono organizzati molti eventi e manifestazioni gay-friendly.

Ma poco bambino-friendly.



 

I simpatici cazzari di Bufale.net, noto blog del Fatto Quotidiano, non paghi delle figuracce fatte un giorno si e l’altro di più, dopo avere difeso le barbarie islamiche, scendono in campo in aiuto degli omo-pedofili.

Secondo loro, l’articolo che avete letto è ‘disinformazione’, perché l’uomo non è l’unico indagato di una vicenda più ampia.

A parte il fatto che l’articolo racconta un episodio, non è un romanzo, non fa la storia di un’inchiesta e si limita a riferire quanto accaduto il giorno precedente in tribunale, ma ampliare la lente su tutta la vicenda, non ne muterebbe il significato.

Innanzitutto, Bufale.net prende come sempre le solite cantonate, potete controllare qui la fonte della notizia in inglese. E scoprirete che, a differenza delle panzane scritte dai cazzari, la vicenda dei ‘due figli un maschio e una femmina’ è una vicenda distinta da quella raccontata qui, in questo nostro articolo. Infatti:

The 32-year-old is in court alongside the 34-year-old man to whom he sent the video, a 27-year-old man, and two women, one 27, the other 43.
All are being charged with involvement in a paedophile ring whose members filmed their own children in sexual positions or acts.
“The abuse case is being characterised as one of the most serious in Norwegian legal history, because the people involved had had a sexual interest in very young children,” Røhne said.
According to the prosecution, the 43-year-old woman filmed her two children, then ten and 13 years old, in sexual positions.
The other three defendants, including the 34-year-old, have been charged with raping the 27-year-old woman’s two-month old baby.
Quindi, abbiamo l’omo-pedofilo che stupra il figlio di due mesi insieme al 34enne e al 27enne, e poi, altri ‘appassionati’ del tema che hanno fatto altre cose turpi, e per quelle sono processati. Mentre l’uomo, oltre a quello, è anche processato per avere stuprato il suo povero bambino.
Non si capisce perché quelli di Bufale.net si esaltino nel fare sempre queste figuracce.
Ma del resto, è un anno che insistono nel negare la veridicità della notizia sulla carne di topo nel Kebab, non ostante ne abbiano parlato tutti i giornali inglesi:
E’ quindi evidente che c’è della malafede. E del dilettantismo.

PS. L’unico errore (meramente di trascrizione) presente nel nostro articolo, che abbiamo subito corretto, era l’avere inserito un nostro giudizio ‘La Norvegia è il paradiso….’ nello stralcio di Wikipedia sulla legislazione norvegese.


2 pensieri su “‘Padre’ stupra figlio di due mesi e condivide filmato con gruppo di omo-pedofili”

Lascia un commento