Consigliere di Vendola condannato per pedopornografia

Condividi!

Già si preparava alle vicine elezioni regionali della Puglia, ma poi è arrivata la batosta: 2 anni e quattro mesi per possesso e condivisione di materiale pedopornografico.
Lui è Aurelio Gianfreda, eletto nell’Italia dei Valori, ma in seguito corso nel gruppo “Democratici autonomi” a sostegno della giunta di Vendola.

La condanna arriva a compimento di un’inchiesta iniziata nel 2011, quando dal suo computer furono scaricate immagini pedopornografiche, immesse nel web come file “civetta” dalla Polizia Postale.
Sequestrato in seguito, nello stesso computer ( collocato nell’ufficio) fu ritrovato svariato materiale pedopornografico, costituito di immagini e video.

Vi era già stata una condanna precedente, nell’Ottobre 2013, quando un collaboratore di Gianfreda patteggiò 8 mesi.
Per gli inquirenti, quella condanna non ha mai alleviato, in ogni caso, la posizione del consigliere, dal momento che è egli è sempre stato ritenuto che il responsabile della presenza del perverso materiale; ritrovato peraltro anche in una fotocamera digitale.

E cominciano a non esser pochi i casi di pedofilia legati a esponenti di certe forze politiche. Primo su tutti, ovviamente, il caso Forteto: un centro che doveva servire comunità di recupero di minorenni, ed in realtà era sede di svariati abusi sessuali e psicologici; nel quale si imponevano anche rapporti omosessuali e si tentava di rompere i legami familiari e educare a quanto fosse superabile la famiglia. Insomma, distopie ‘progressiste’.
Sembra un po’ di vedere anche in Italia i drammatici casi di pedofilia esplosi in Gran Bretagna recentemente, o anche in Francia già 20 anni fa.

nichi sulla pedofilia
CLICCA E LEGGI INTERVISTA ORIGINALE

 

C’è un qualcosa di profondamente perverso e pericoloso nell’ideologia ‘liberal e illuminata’, nella sua ‘libertà’, estesa a tutti indistintamente, che si traduce nella possibilità dei più forti di togliere diritti ai più deboli ( vedi uteri in affitto), nel suo finire, volontariamente o meno, col sovvertire ogni regola e ordine naturale. Quanto passa dalle “nozze gay” al “poliamore”? Quanto dall'”amore libero” alla pedofilia?

 




2 pensieri su “Consigliere di Vendola condannato per pedopornografia”

Lascia un commento