Proliferano i centri per clandestini

Condividi!

PIAZZA ARMERINA (ENNA) – Le proteste del comitato cittadino di contrada Santa Croce contro l’apertura di un nuovo centro di accoglienza per clandestini arrivano in un’interrogazione parlamentare presentata al Ministro dell’Interno Angelino Alfano dal deputato e capogruppo di Fratelli d’Italia Sergio Rampelli. Il parlamentare ha chiesto ad Alfano di conoscere tutti gli elementi di cui il ministero è in possesso sul caso di Piazza Armerina e «quali iniziative, per quanto di competenza, intenda assumere al riguardo».

«Il proliferare di centri di accoglienza a Piazza Armerina e in altri comuni della zona impongono di ripensare la logica della distribuzione sul territorio di tali strutture», scrive Rampelli, il quale nella ricostruzione della vicenda piazzese parte dal consiglio comunale del 7 gennaio scorso, quando all’unanimità i gruppi consiliari stabilirono che in un palazzo condominiale di via Leonardo Da Vinci, in contrada Santa Croce appunto, non dovessero esserci più di 25 migranti, contro i 90 previsti in origine. La presa di posizione del consiglio comunale era scattata dopo che i residenti di via Leonardo Da Vinci, riuniti nel comitato civico «Legalità Quartiere Normanni Santa Croce», temendo «gravi ripercussioni per l’ordine pubblico e la sicurezza dei residenti», aveva detto no al bando della Prefettura di Enna.

Inutile fare ‘interrogazioni’ ad Al Fano, quando è lui che gestisce il business.




Lascia un commento