Meningite: tre ricoveri di neonati in pochi giorni

Condividi!

Sono tre i bambini di pochi mesi (2,3 e 5) ricoverati – gravi – per meningite di tipo B all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Uno di loro è ricoverato in terapia intensiva per la criticità delle sue condizioni.

In Italia nel 2003 ci furono solo cinque casi di meningite di tipo B, soltanto uno nel 2012. Negli ultimi mesi, invece, le infezioni si sono moltiplicate. In Toscana si sono registrati ben dieci casi (di cui uno di meningite B) dall’inizio del 2015, contro i 16 casi del 2014. Almeno due casi anche nelle Marche, l’ultimo a Saltara, in provincia di Pesaro Urbino, del quale parliamo in un articolo precedente.

Secondo i medici, la risposta è la solita, il ‘vaccino’: “Per questa malattia c’è un vaccino specifico che protegge i bambini dal rischio di contrarla – sottolinea Alberto Villani, Responsabile di Pediatria Generale e Malattie Infettive del Bambino Gesù – perciò riteniamo che la recrudescenza dei casi sia legata al calo delle vaccinazioni. In mancanza di vaccinazione, infatti, il batterio responsabile circola di più e, conseguentemente, colpisce in misura maggiore”.

Il batterio circola, perché circolano le persone da paesi dove il vaccino non esiste: lì sì, che circola, il batterio. Altrimenti perché, una così forte escalation in coincidenza con sbarchi senza fine di individui dall’Africa Nera?

I medici, se vogliono essere presi sul serio, devono riporre il vocabolario Boldrini-Kyenge del politicamente corretto e iniziare ad essere scientificamente onesti. Altrimenti tacciano. E si vergognino.

In sintesi: i vaccini sono un’architrave fondamentale della medicina moderna, VOX non fa parte della schiera di media alternativi ‘anti-vaccini’ per ideologia (ci sono, ovviamente, anche vaccini inutili e motivati solo dal business), ma, prima di tutto, evitare di fare entrare cani e porci. Evitare di raccattare individui da zone dove certe malattie sono endemiche e che stanno trasformando l’Italia in un lazzaretto: tenete più a qualche africano o ai vostri figli?




Lascia un commento