In una foto la differenza tra ‘noi’ e ‘loro’

Condividi!
Grim toll: A Russian-backed rebel looks at the flag-covered body of a Ukrainian soldier killed in fierce fighting in the strategic rail hub of Debaltseve after the city was captured by the separatists
SOLDATO RUSSO OSSERVA IL CORPO SENZA VITA DI UN SOLDATO UCRAINO, A DEBALTSEVO

 

isiscadaveremoto
MILIZIANI ISLAMICI TRASCINANO CADAVERI NEMICI PER LE STRADE DI RAQQA

 

Come si può non notare la differenza tra la civiltà europea, che anche nel dramma della guerra mantiene il proprio rispetto per i cadaveri, anche dei nemici, rispetto al disprezzo tipicamente mediorientale dimostrato dal trattamento barbaro dei corpi ormai senza vita?

Da una parte abbiamo un soldato russo, che passa, e osserva con la pietà nello sguardo, il corpo esanime di un soldato ucraino coperto dalla propria bandiera, nella città di Debaltsevo. Dall’altra, un fanatico islamico, in Iraq, strazia quel che resta di un nemico. E’ nei momenti più bui, che si vede la differenza tra due civilizzazioni. O tra una civilizzazione e la barbarie.

E no, non siamo tutti uguali. E no, il nemico non arriva da Est, ma da Sud.




Un pensiero su “In una foto la differenza tra ‘noi’ e ‘loro’”

Lascia un commento