Perché il governo italiano ha regalato 250mila dollari a Clinton?

Condividi!

Tra i Paesi stranieri a regalare soldi – si dice ‘donare’ in gergo – alla Clinton Foundation (ufficialmente Bill, Hillary & Chelsea Clinton Foundation), il solito paravento dietro il quale i politici americani nascondono le proprie ambizioni, c’è anche l’Italia. Insieme a Norvegia, Australia, Paesi Bassi, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Qatar e Oman. Questi ultimi governi potrebbero creare problemi alla moglie di Bill.

Secondo il Wall Street Journal, che ha semplicemente analizzato i dati messi a disposizione dalla fondazione e consultabili sul sito (con un po’ di difficoltà), il ministero dell’Ambiente del governo Letta ha versato, nel 2013, circa 250.000 dollari; tra le altre realtà italiane che negli anni hanno finanziato la fondazione ci sono il Monte dei Paschi di Siena, Autogrill, De Agostini, Enel, Lottomatica e Pirelli.

Quale era l’imperativo strategico di questa donazione per l’Italia?




Un pensiero su “Perché il governo italiano ha regalato 250mila dollari a Clinton?”

Lascia un commento