Il ‘matrimonio gay’ non esiste

Condividi!

In una sentenza depositata oggi, la Cassazione, seguendo per una volta rigorosamente la legge vigente, ha rigettato il ricorso di una cosiddetta ‘coppia gay’. Per i giudici della suprema corte “nel nostro sistema giuridico di diritto positivo il matrimonio tra persone dello stesso sesso è inidoneo a produrre effetti perché non previsto tra le ipotesi legislative di unione coniugale”. Insomma: non esiste.

“L’Europa e la Costituzione – scrivono i giudici – non impongono al legislatore di estendere il vincolo del matrimonio alle persone dello stesso sesso che, invece, hanno il diritto a uno statuto protettivo, già ‘azionabile’, con diritti e doveri delle coppie di fatto”. Non esiste, e i diritti individuali sono già garantiti, come per tutti gli altri cittadini. Il richiamo alle ‘coppie di fatto’ è una boutade inevitabile quando hai a che vedere con dei magistrati.

Il richiamo alla Ue è inquietante, anche se in questo caso non può imporre, perché non nei trattati, in altri casi si, visto che i nostri politici hanno firmato trattati senza chiedere il parere al popolo.




Lascia un commento