NIZZA: MILITARI ACCOLTELLATI, PRESIDIAVANO SINAGOGA

Condividi!

Trois militaires ont été agressés ce mardi à Nice (Alpes-Maritimes). 

Tre militari francesi sono stati accoltellati mentre erano di guardia davanti a un palazzo di Nizza che ospita diverse istituzioni ebraiche. L’aggressore è stato fermato. Uno dei soldati è stato ferito al braccio, un altro al viso e il terzo al mento. Nessuno è in pericolo di vita. Nell’edificio hanno sede il Concistoro ebraico della città, Radio Shalom e un’associazione israelitica.

 

L’aggressore è un immigrato africano di seconda generazione nato nel 1984 nella Val-de-Marne:Moussa Coulibaly. Stesso cognome di Amedy Coulibaly, l’immigrati che, dopo la strage a Charlie Hebdo, freddò una poliziotta in strada e, al termine della lunga caccia all’uomo, fu ucciso dalle teste di cuoio dopo essersi barricato dentro un supermercato kosher.

Coulibaly è un cognome molto diffuso tra gli immigrati del Mali.

Moussa Coulibaly è stato fermato pochi minuti dopo l’aggressione: aveva un coltello di 20 centimetri. Ha un passato di violenze e furti.

Altri due immigrati sono fuggiti dopo l’aggressione.


 

IL TITOLO PARLA DI ‘SINAGOGA’ PER DARE UN’IDEA IMMEDIATA DEL TROPPO LUNGO ‘CENTRO DI CULTURA EBRAICO’




Lascia un commento