COFFERATI ACCUSA PD: “ME NE VADO, TROPPI BROGLI ELETTORALI”

Condividi!

CINQUE EURO AD IMMIGRATO PER VOTARE CANDIDATI ‘DEMOCRATICI’

“Per rispetto ai cittadini che mi hanno votato e alle mie convinzioni di fronte a un partito che non dice nulla su fatti di questo genere, non posso più restare”. Così Sergio Cofferati, in una una conferenza stampa a Genova, annuncia la sua uscita dal Pd, dopo le primarie liguri da cui è uscito sconfitto dai brogli etnici di partito.

“E’ stata una decisione difficile e dolorosa perché sono uno dei 45 fondatori del Pd”, aggiunge. Precisa: lascio “non per fondare un altro partito”. E “non mi dimetterò da europarlamentare”.

ALTRE NOTIZIE SU BROGLI LIGURIA

Qui c’è un esponente di primo piano di un partito che denuncia quello che tutti sapevano: il PD ruba voti. E se lo fa ‘internamente’, figuriamoci alle elezioni politiche. Usano gli immigrati come ‘carne da seggio’.




Un pensiero su “COFFERATI ACCUSA PD: “ME NE VADO, TROPPI BROGLI ELETTORALI””

Lascia un commento