ISIS: “Conquisteremo Europa e uccideremo centinaia di milioni di voi”

Condividi!

ISIS ha detto che è solo una questione di tempo, prima che i suoi combattenti conquistino l’Europa. La minaccia è stata fatta dal portavoce di ISIS, al giornalista Juergen Todenhoefer, che ha intrapreso una visita rischiosa nelle zone controllate dagli islamici a Mosul e nel nord dell’Iraq .

“Noi conquisteremo l’Europa. Non è una questione di se, ma solo di ‘quando’ ciò avverrà. Ma è certo. … Per noi, non esiste una cosa come ‘la frontiera’ – nemmeno per Renzi e Al Fano, in senso opposto – ci sono solo prima linea e il resto…”, ha detto il portavoce identificato come un immigrato ‘tedesco’ militante di ISIS al giornalista.

Il portavoce ha detto che ISIS prevede di effettuare “la più grande campagna di pulizia religiosa” nella storia e non esiterà ad uccidere centinaia di milioni di persone, se necessario, ha riferito il Christian Post.

“La nostra espansione sarà rapida e perpetua. Gli europei devono sapere che quando veniamo, non sarà in un bel modo. Sarà con le nostre armi. Coloro che non si convertono all’Islam o a pagare la tassa islamica saranno uccisi”, ha detto il portavoce.

Todenhoefer ha visitato Mosul, che aveva una grande popolazione cristiana prima di essere conquistata da ISIS in giugno, costringendo le persone a convertirsi all’Islam o affrontare la morte.

ISIS è alle porte. Anzi, è sui barconi. Migliaia di loro entrano ogni giorni. Milioni di loro sono già qui. Si chiamano ‘immigrati’.




Un pensiero su “ISIS: “Conquisteremo Europa e uccideremo centinaia di milioni di voi””

  1. “Piccoli taglieteste crescono!” – Attenzione a non sottovalutare l’ISIS, sono intelligenti, sono ricchi, molti di loro sono soldati professionisti, sono anche di più ma non stupidi!. Nessuno di loro crede di poter invadere l’Europa, quelle parole servono solamente per terrorizzare (e cacchio ci riescono!), il loro obiettivo primario è quello di acchiappare tutti i paesi musulmani e di fagotitarli col terrore. L’unica speranza è l’Islam moderato, solo loro possono in qualche modo ridimensionare il “problema”. Chi sottovaluta il fenomeno corre un rischio molto alto. r|t

Lascia un commento