Renzi affonda le banche: declassate



Dopo il taglio del rating sovrano dell’Italia, Standard&Poor’s declassa anche alcune banche, da BBB a BBB-.
L’agenzia internazionale ha abbassato di un livello il merito di credito di diversi istituti, a partire da Unicredit, Intesa Sanpaolo e Mediobanca.
Secondo S&P, “i rischi economici sono in crescita”. Tuttavia gli analisti precisano che l’Italia uscirà dalla recessione nel 2015, ma, sottolineano, “il ritmo della ripresa sarà basso”.



Lascia un commento