Rifiuatano di sposare Jihadisti: ISIS decapita 150 donne incinte

Condividi!

Mentre il mondo è già sconvolto per le violenze islamiche in Pakistan, dove sono stati decapitati più di cento bambini, altri islamici, a molti chilometri di distanza, hanno trucidato 150 donne.

La loro ‘colpa’ era avere rifiutato di sposarli. Lo ha comunicato il governo iracheno in una dichiarazione. E’ avvenuto nella provincia irachena occidentale di Al-Anbar, successivamente sono state sepolte in fosse comuni a Fallujah: “Almeno 150 donne, molte incinte, sono state ‘giustiziate’ a Fallujah dopo aver rifiutato di accettare il matrimonio con i jihadisti”, dice la nota.

Non sono stati rilasciati video o foto.

Ricordiamo che questi sono i cosiddetti ‘siriani’ che vengono raccattati da Mare Nostrum Triton. Mentre i perseguitati finiscono nelle fosse comuni. Stiamo sbagliando tutto.




2 pensieri su “Rifiuatano di sposare Jihadisti: ISIS decapita 150 donne incinte”

Lascia un commento