Borse di studio: ma solo ai figli degli statali

Condividi!

È stato pubblicato il bando di concorso per l’accesso a n. 5.250 borse di studio per corsi universitari di laurea e di corsi universitari di specializzazione post lauream, avente scadenza 30/12/14. Le Borse di Studio sono riservate ai figli dei dipendenti pubblici…Non ci credete? Leggete.

Le Borse di Studio, precisa l’Inps, sono destinate ai figli:

dei dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali

– dei pensionati della pubblica amministrazione utenti della Gestione Dipendenti Pubblici

– dei dipendenti iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale.

La procedura per l’acquisizione della domanda, prodotta esclusivamente per via telematica, sarà attiva fino alle ore 12.00 del giorno 30 dicembre 2014.

Accedi al Bando.

Fonte: INPS

La Direzione

(12 dicembre 2014)

A voi pare normale che si privilegi una parte degli italiani – nulla contro i dipendenti pubblici, sia chiaro – rispetto agli altri? Non è discriminazione?

E si tratta di un ‘certo tipo’ di dipendenti pubblici. Non normali dipendenti, ma statali di fascia alta. Come si vede, l’élite burocratica non ci pensa due volte a garantire posti ai propri discendenti. E se ne frega degli immigrati. Sono gli italiani normali a dovere competere per case, asili, università e lavoro con l’invasione. L’élite sa come proteggersi. Come rimanere isolata dalla concorrenza per i servizi.

Se questo genere di privilegio lo chiedono gli italiani normali rispetto allo straniero, è discriminazione; se invece lo applicano alcuni italiani rispetto ad altri italiani, allora è giusto.




Lascia un commento