Sindaco inaugura la ‘mensa repubblicana’: “Islamici: Maiale o niente”

Vox
Condividi!

Il sindaco di una cittadina nord-occidentale della Francia ha introdotto per la mensa della scuola multietnica il principio “maiale o niente”. La regola si applica a partire dal 1° gennaio nella città di Sargé-lès-le-Mans. Il Sindaco Marcel Mortreau basa la sua decisione sul “principio di neutralità repubblicana”. Gli islamici sono avvertiti.

“Il sindaco non è tenuto a fornire i pasti che rispondono alle esigenze religiose. Questo è il principio di laicità”, ha detto alla radio Mortreau. Il sindaco è stato eletto come ‘indipendente di destra’.

Vox

Molti funzionari pubblici concordano: “Non abbiamo aperto le mense scolastiche per soddisfare questioni religiose, filosofiche o culturali,” ha detto Eric Le Moal, direttore di una scuola pubblica a Lezignan-Corbieres in Aude.

I genitori musulmani hanno espresso la loro rabbia per la decisione del sindaco.
“Mangiare due antipasti non è lo stesso di mangiare un piatto di carne. La carne è qualcosa che il corpo ha bisogno di lavorare e di pensare. Ho bisogno di carne, è importante”, ha piagnucolato un allievo islamico, tal Tarik, alla radio Europa1.

La madre di Tarik Yasmine ha definito il provvedimento “discriminazione” e ha espresso la sua rabbia. Ma gli altri genitori, quelli francesi, rispondono che, se non vogliono adeguarsi, possono portare i loro figli a casa.

Il sindaco di Parigi, il sarkozista Jean Tiberi, ha detto che la mossa mira a “bollare i musulmani”. Magari sono loro a bollarsi da soli.