Se sei immigrato ( e ti senti ‘discriminato) l’avvocato te lo pagano i contribuenti

Condividi!

E’ stato istituito dal famigerato Dipartimento per le Pari Opportunità – mai nome più orwelliano – un cosiddetto ‘fondo di solidarietà’ grazie al quale le spese legali agli immigrati le pagheremo noi.

Parliamo di spese legali per procedimenti giurisdizionali o amministrativi intrapresi dagli immigrati che – poverini – ‘si sentono lesi da condotte discriminatorie’.

Il contributo può essere richiesto da chi non usufruisce già del gratuito patrocinio. Ognuno potrà presentare addirittura 3 domande l’anno (una sorta di fanatico dei processi) e la somma erogata sarà pari a €600 per ogni grado di giudizio.

Anche dietro questa marchetta agli immigrati che quella sorta di stipendificio che va sotto il nome di Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali).




Un pensiero su “Se sei immigrato ( e ti senti ‘discriminato) l’avvocato te lo pagano i contribuenti”

Lascia un commento