Bitonci paga di tasca propria l’espulsione dei Rom: Caritas nel panico…

Condividi!

Il sindaco di Padova, Massimo Bitonci: “Sono disposto a sostenere personalmente, senza utilizzare soldi pubblici, il costo del loro viaggio di ritorno, sono stati loro stessi a manifestare il desiderio di tornare in Romania dove è rimasto il loro figlio minorenne”.

“Inaugurerò con un mio versamento un fondo, a contribuzione privata e volontaria, quindi senza esborsi per la comunità, dedicato a sostenere il rientro nel Paese di provenienza di tutti gli stranieri comunitari, occupanti abusivi di aree o immobili pubblici e privati, che, dopo averli sgomberati, li rimettano a disposizione dei legittimi proprietari”.

“Vogliamo aiutare chi è arrivato in città credendo di trovare lavoro e benessere e ha incontrato solo miseria e rischia di venire arruolato da associazioni criminali o di dedicarsi personalmente all’accattonaggio e ad attività illegali”.

“Metto i miei soldi a disposizione – conclude – in modo che per Natale possano ricongiungersi con il resto della famiglia, a casa loro, lontano dalle fatiche e dagli stenti cui sono stati costretti qui e che non auguro a nessuno”. Ricongiungetevi con le vostre famiglie, in Romania.

Iniziative come questa mettono in crisi il modello Buzzi-Caritas.




Lascia un commento