Islamici pronti a ‘giustiziare’ nuovo ostaggio – VIDEO

Condividi!

PROSEGUE IL DIALOGO RELIGIOSO DOPO IL VIAGGIO DI BERGOGLIO IN TURCHIA

Nasser bin Ali al Ansi, senior official in Al Qaeda in the Arabian Peninsula, pictured, spoke for two minutes and thirty seconds during the video where he threatened to kill Mr Somers within three days 

Un gruppo islamico affiliato ad al-Qaeda ha minacciato in un video di uccidere un ostaggio americano entro tre giorni se il governo degli Stati Uniti non risponde alle richieste del gruppo.

Luke Somers, un fotoreporter di 33 anni, è stato rapito nel 2013 a Sanaa, capitale dello Yemen. In un video  pubblicato ieri sera tardi, il giovane dice che la sua “vita è in pericolo.”

Il video presenta un militante di al-Qaeda e un breve messaggio di Somers – vestito con una camicia viola e con la testa rasata. Egli dice di essere nato in Inghilterra, ma di avere la cittadinanza americana.

L’operativo di al-Qaeda che parla in gran parte del video e minaccia che Somers incontrerà il suo “destino inevitabile” se le richieste del gruppo non saranno soddisfatte: l’uomo è Nasser bin Ali al-Ansi della filiale di Al Qaida nella penisola arabica. Il video non elenca quali siano tali richieste, ma al-Ansi dice Washington è “a conoscenza”.

Somers: “Fondamentalmente, sto cercando qualsiasi aiuto che può tirarmi fuori da questa situazione. Sono certo che la mia vita è in pericolo. Quindi, come mi siedo qui, ora, mi chiedo, se si può fare qualcosa, per favore fate qualcosa. Grazie mille. ”

Somers è stato rapito nel mese di settembre 2013 in una strada di Sanaa, dove stava lavorando come fotoreporter perYemen Times.




Lascia un commento