Ferguson: africani sparano contro poliziotti, esplosi 150 colpi

Condividi!

USA – Nell’ambito delle violenze razziali che stanno sconvolgendo la città di Ferguson e le zone limitrofe, emergono episodi particolarmente inquietanti. A University City, un sobborgo di St. Louis, un agente è stato raggiunto da colpi di pistola. Jon Belmar, capo della polizia nella contea di St. Louis, ha dichiarato che contro la polizia sono stati esplosi almeno 150 colpi di arma da fuoco e che neanche un proiettile è partito dalle armi delle forze dell’ordine.

Numerosi edifici sono in fiamme ed sarebbe stato devastato anche il negozio in cui l’africano Michael Brown, ripreso dalle telecamere di sorveglianza, aveva rubato una scatola di sigari poco prima di essere ucciso dal poliziotto bianco Darren Wilson. I giudici americani hanno deciso di non incriminare l’agente e questo ha determinato le sommosse degli africani. Evidentemente ritengono di poter rubare e aggredire i poliziotti impunemente.




Lascia un commento