‘Umanitarista’ si punge con ago infetto: e si ‘ricorda’ di essere spagnola…

Condividi!

Una cooperante spagnola che si è punta con ago infetto mentre assisteva ammalati di ebola in Mali è tornata oggi in patria – come riconoscono la ‘patria’, quando hanno bisogno – a bordo di un aereo di Medici Senza frontiere, l’Ong per cui lavora.

La donna rimarrà ora in isolamento per 21 giorni all’ospedale Carlos III di Madrid in attesa di verificare se ha contratto la malattia. Si tratta dell’ospedale di riferimento per gli ammalati di Ebola, dove sono stati ricoverato i due missionari poi deceduti e l’infermiera che si era infettata curando uno di loro, ma è guarita. I medici dovranno valutare ora se somministrare un trattamento preventivo.

Senza frontiere…




Un pensiero su “‘Umanitarista’ si punge con ago infetto: e si ‘ricorda’ di essere spagnola…”

Lascia un commento