Obama pronto a “comprare” voti dei clandestini

Condividi!

Usa – L’amministrazione americana guidata da Barack Obama, dopo la batosta subita dai democratici in occasione delle elezioni di Midterm, cerca di correre ai ripari nella speranza di invertire la rotta. L’intenzione è quella di regolarizzare milioni di immigrati clandestini, in modo da elargire cittadinanze che poi si trasformeranno in voti per i democratici, ormai in declino. Una sorta di voto di scambio. A rivelarlo è il New York Times, che cita fonti dell’amministrazione americana.

Obama ha deciso di ignorare i risultati del voto e le proteste del Grand Old Party che controlla il Congresso e la prossima settimana, in base a quanto riportato dal quotidiano americano, annuncerà la firma di misure esecutive per attuare la riforma dell’immigrazione che potrebbe portare alla regolarizzazione di quasi 5 milioni di clandestini che ora rischiano il rimpatrio.

Secondo il New York Times gli elettori ispanici potrebbero essere cruciali per le speranze dei democratici di conquistare la Casa Bianca nel 2016. Risulta quindi evidente l’intenzione di Obama di portare voti ai democratici regalando cittadinanze ai clandestini che in massa superano il fragile confine meridionale degli Stati Uniti.

La Casa Bianca ha comunicato tuttavia che il pacchetto delle misure esecutive è ancora in fase di elaborazione e potrebbe cambiare prima dell’annuncio, previsto la prossima settimana, dopo che Obama sarà rientrato dal tour in Asia. L’annuncio potrebbe slittare ma certamente avverrà entro la fine dell’anno, prima che si insedi il nuovo Congresso.

I repubblicani sono sul piede di guerra ed intenzionati ad ostacolare con ogni mezzo questa “sanatoria esecutiva”.

 




Un pensiero su “Obama pronto a “comprare” voti dei clandestini”

Lascia un commento