Italia risarcisce terrorista islamico: 60mila euro per ‘ingiusta detenzione’

Condividi!

Questo ‘affascinante’ ragazzone nella foto, è Brahim Garouan, maghrebino e terrorista andato a sgozzare cristiani in Siria.

Ed è per questo che la magistratura italiana ha deciso di premiarlo, non lui, perché grazie a Dio è stato eliminato in Siria , ma la sua famiglia.

Infatti, non ostante fosse in Siria con i fanatici islamici come lui, in Italia, è stato assolto: non era un terrorista.

E così, è arrivato il risarcimento per ingiusta detenzione: 60mila euro per gli 8 mesi e 8 giorni trascorsi dietro le sbarre nel 2011. Tanto valeva staccare un assegno a ISIS.

Catanzaro, 60mila euro per ingiusta detenzione al jihadista ucciso in Siria

La vicenda è stata ricostruita dal Quotidiano del Sud. Tre anni fa Brahim Garouan, suo padre Mohammed, imam di Sellia Marina (Catanzaro) e Younes Dahhaki furono arrestati con l’accusa di essere addestratori di terroristi.  E lo erano, visto la storia successiva.

Gli inquirenti trovarono anche video in cui si spiegava ai potenziali jihadisti come fabbricare una cintura esplosiva o come diventare un bravo cecchino.

Ma per la Cassazione, quella dei ‘jeans’, erano tutti bravi ragazzi. Per la Suprema Corte, “il terrorismo virtuale, fatto di manuali e corsi di formazione, non è reato“.

Resta da vedere come mai, ad esempio, chi invece ha diffuso idee su internet – idee, non manuali su come farsi esplodere – si è beccato anni di carcere. Vedi caso Stormfront.

 

 




Lascia un commento