Ebola: Pentagono cerca vaccino contro ‘diffusione aerea’

Condividi!

Citando le preoccupazioni per “la diffusione aerosol di Ebola” – diffusione tipica dell’influenza -, il Pentagono ha assegnato un contratto di 9,5 milioni di dollari ad una società di biotecnologie per la produzione di un vaccino contro la diffusione aerea di Ebola.

La società, Profectus BioSciences, ha annunciato oggi che il Pentagono “ha chiuesto la produzione e … test preclinici del vaccino Profectus trivalente Ebola / Marburg”, che era stato precedentemente testato per “confermare la protezione dei primati non umani dall’esposizione aerosol dei filovirus Ebola e Marburg”.

 

“Il vaccino trivalente liofilizzato è in fase di sperimentazione in studi pre-esposizione e post-esposizione per confermare la protezione dei primati non umani dall’esposizione aerosol di virus Ebola e Marburg.”

 

Lo sviluppo di questo vaccino deriva dalla preoccupazione del Pentagono sulla trasmissione per via aerea di filovirus come l’ebola, che i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie americani hanno finalmente ammesso si diffondono come l’influenza attraverso la tosse e gli starnuti.

Lunedì, i CDC hanno pubblicato un opuscolo che mette in guardia contro la “diffusione goccia” di Ebola che avviene “quando i germi che viaggiano all’interno di goccioline che sono tossite o starnutite da una persona malata entrano in contatto con gli occhi, il naso o la bocca di un’altra persona.”

Cose VOX scrive da mesi.

“E ‘Ebola diffonde attraverso le goccioline? Sì, “l’opuscolo si legge.

Ma, stranamente, una rigorosa definizione del CDC di “trasmissione per via aerea” è limitata a “quando un germe fluttua attraverso l’aria dopo una persona parla, tossisce o starnutisce” e non “quando i germi che viaggiano all’interno di goccioline che sono tossito o starnutito da un persona malata “, che sono, ovviamente, viaggiando attraverso l’aria come bene.

“Nota per CDC: il 99% del mondo non conosce la differenza, o anche la cura per questo”, ha scritto Royce Christyn con Yournewswire.com . “Quello che vogliamo sapere è ‘se questa persona è malata e starnutire o tossire vicino a me, io ho intenzione di morire?'”

Scienziati dell’esercito americano in precedenza hanno dimostrato che la trasmissione per via aerea di Ebola è stato possibile “in basso a temperatura e umidità rispetto a quella normalmente presente in Africa sub-sahariana”, durante uno studio del 1995, e hanno suggerito le alte temperature e l’umidità presente in Africa “potrebbe essere stato un fattore che limita la trasmissione di aerosol del virus Ebola nelle epidemie africane. “




Lascia un commento