Arabia: decapitati per ‘apostasia’, folla esulta – VIDEO CHOC

Condividi!
decapitazioneasaudita
CLICCA PER IL VIDEO

*ATTENZIONE, IL VIDEO MOSTRA IMMAGINE NON CENSURATE CHE POTREBBERO TURBARE LA SENSIBILITA’*

QUESTO E’ L’ISLAM CHE CONTROLLA LE MOSCHEE IN ITALIA, COMPRESA QUELLA DI ROMA, VISITATA DALLA NOTA ‘FANATICA’

Queste immagini arrivano dall’Arabia Saudita, noto grande alleato di Usa e Ue. Vero centro dell’islamismo mondiale e dell’ideologia wahabbita che ha creato i Talebani prima, e Isis poi.
In Arabia Saudita, come in molti paesi islamici, il codice penale si basa sulla Sharia, la legge islamica.

Alcuni crimini punibili con la decapitazione:

  • Apostasia
  • Blasfemia
  • Stregoneria
  • Adulterio
  • Omicidio
  • Omosessualità
  • Idolatria
  • ‘Traffico’ di Bibbie



2 pensieri su “Arabia: decapitati per ‘apostasia’, folla esulta – VIDEO CHOC”

  1. è inaccettabile la decapitazione, per apostasia o per essere omosessuale, nel mondo della civiltà. Puniscono con lapidazione o decapitazione l’adulterio senza pensare che la donna decisa a cornificare il marito rischia anche la pena, con il gusto di fargli le corna. Tranne l’omicidio tutti gli altri reati con pena capitale sono ridicoli e antidemocratici calpestando i diritti umani. E’ normalità considerare una donna pari a un pezzo di mobilia e l’uomo padrone di poter disporre di lei come meglio gli aggrada?
    La risposta a tutto potrebbe essere questa: il loro calendario segna la data 03/01/1436, per la scoperta dell’America devono attendere ancora 53 anni, quindi sono ancora nel medioevo e se non superano l’oscurantismo non avranno mai un risorgimento.

Lascia un commento