ISIS: ai comandanti le vergini ‘infedeli’, per stuprarle

Condividi!

I comandanti di ISIS, si sono prese per loro le vergini catturate durante i raid contro la minoranza Yazidi in Iraq:  come schiave sessuali.

All’inizio di questo mese, la rivista online di Isil Dabiq ha confermato le voci che “migliaia” di Yazidi, donne e ragazze, erano state rapite e tenute come concubine, dopo che i suoi combattenti avevano preso d’assalto le città e i villaggi nella provincia di Sinjar. Abitata dalla minoranza religiosa non islamica.

Ora, una fonte con nella città settentrionale siriana di Raqqa, la “capitale” del territorio islamico, ha dato i dettagli della pratica a un gruppo locale anti-Isil che monitora i jihadisti.

“Solo le vergini” sono state prese come schiave sessuali dai jihadisti , la fonte ha detto al gruppo.

Il gruppo è composto da sedici attivisti a Raqqa – in incognito – che lavorano per far luce sulle azioni del jihadisti in città.




2 pensieri su “ISIS: ai comandanti le vergini ‘infedeli’, per stuprarle”

  1. Per gli islamici in generale e non solo quelli di ISIS, le donne vergini non musulmane sono puttane, e qualsiasi rapporto sessuale che viene consumato, secondo le belve islamiche, é un normale rapporto a prescindere se lei sia consenziente o meno.

    Pensiamo al dramma delle Marocchinate in Ciociaria del 1944: all’epoca l’ISIS non c’era, ma goumier marocchini – di religione islamica – stuprarono in massa tutte le donne del luogo perché cattoliche, e a molte di loro l’onore fu violato essendo state deflorate da questi criminali.

Lascia un commento