Nemmeno spacciatori e battone salvano Renzi: Pil peggiora…

Condividi!

PIL TRACOLLA ANCHE CON LA BIZZARRA AGGIUNTA DI SPACCIO E PROSTITUZIONE

Il Pil nel primo trimestre 2014 è stato rivisto al rialzo dall’Istat – sono state aggiunte le attività illegali, che però sono presunte e non tassate – registrando una variazione nulla sul trimestre precedente (dal -0,1% della «vecchi» stima).

Non basta, perché il quarto trimestre è stato rivisto in peggioramento da +0,1% a -0,1%, non ostante spaccio e puttane.

Nel secondo trimestre il prodotto interno lordo è diminuito dello 0,2% sul trimestre precedente e dello 0,3% su base annua.

Così l’Istat in riferimento alle nuove regole sui conti nazionali, confermando il dato congiunturale e rivedendo il tendenziale in lieve peggioramento (dal -0,2% al -0,3%).

Quanto al secondo trimestre 2014, il Pil è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,3% nei confronti del secondo trimestre 2013, in base al Sec 2010.

La variazione acquisita per il 2014 è pari a -0,3%, dal-0,2% stimato ad agosto.

E’ l’effetto Renzi.

 




Lascia un commento