Ebola è mutato? Il caso del Vicesceriffo texano

Vox
Condividi!

Il caso del vicesceriffo di Frisco -vicino a Dallas- Michael Monnig che potrebbe avere contratto l’ebola, assume contorni sempre più inquietanti.

L’uomo, che si trova ricoverato in isolamento, con sintomi identici a quelli del micidiale virus, non è mai entrato in contatto diretto con Thomas Duncan, a differenza di quanto si pensava inizialmente.

Vox

Il vicesceriffo sarebbe solo entrato nella sua abitazione e potrebbe aver contratto il virus indirettamente.

E’ questa possibilità a disegnare uno scenario da incubo: Ebola sarebbe mutato. Il virus resisterebbe all’aria aperta e quindi riuscirebbe a diffondersi per via aerea anche a distanza di tempo – possibilità del resto già oggi non esclusa – e non più, soltanto attraverso esposizione diretta a tosse e starnuti.

Questo potrebbe anche spiegare l’abbattimento altrimenti privo di senso del cane dell’infermiera spagnola.