Erdogan peggio di ISIS, fa sparare su manifestanti curdi: è strage islamica

Condividi!

E’ di almeno 12 morti morti il bilancio degli scontri in Turchia. Lo riferiscono diversi media di Ankara. Nella gran parte dei casi, turchi armati hanno aperto il fuoco sui dimostranti curdi. Turchi contro curdi, nella migliore tradizione delle società multietniche.

Due gli uccisi negli scontri con la polizia, afferma l’agenzia Anadolu. Almeno 5 i morti a Diyarbakir.

Intanto, il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ritiene che Kobane (la città siriana curda vicina al confine) sia ormai sul punto di cadere nelle mani dei jihadisti dell’Isis e giudica necessaria un’operazione militare di terra in Siria e in Iraq.

Ma chiede la testa di Assad. L’unico ad avere combattuto ISIS dal primo momento.

E allora si comprendono molte cose: ISIS nasce finanziata da Qatar, Arabia, Turchia e settori deviati USA. Prima in funzione anti-Assad, poi per avere una scusa per intervenire.




Lascia un commento