Si può fare: Bitonci sgombera 12 campi nomadi

Condividi!

PERCHE’ ALTRI SINDACI NON FANNO LO STESSO?

PADOVA – Bitonci ha già individuati 12 campi nomadi abusivi da sgomberare.

Uno di questi, lungo l’argine del canale Brentella, è già stato sgomberato nelle scorse ore. Si tratta di tutte le aree in cui ci sono insediamenti non autorizzati, ma tollerati dalla precedente amministrazione democratica.

Il più grande è il famigerato accampamento di via Bassette a Mortise.

L’operazione è affidata all’assessore all’edilizia privata Fabrizio Boron, che dovrà coordinarsi con l’assessore alla sicurezza e alla polizia municipale Maurizio Saia.

Ci sono alcuni problemi burocratici, dipendenti dalle ridicole leggi nazionali, ci sono 90 giorni di tempo nei quali gli zingari dovranno andare, in caso contrario, il Comune è autorizzato a intervenire.

Tre mesi non sono poi tanti, dopo decenni di malgoverno.

Bitonci dimostra che le leggi, seppure imperfette, ci sono. A mancare, a Torino, Roma, Milano, Napoli, Genova, Firenze e tutte le altre città è la volontà dei sindaci. D’ora in poi non hanno più scuse.




Lascia un commento