Termoli: cento clandestini saranno mantenuti in albergo

Condividi!

Termoli –  L’ hotel Modena, situato sul lungomare nord di Termoli, si prepara ad ospitare circa cento sedicenti profughi che arriveranno in città nei prossimi giorni. L’albergo, di proprietà della famiglia Ribuoli, è stato infatti affittato ad una società molisana che lavora con il Governo e le Prefetture nel business immigrazione, e che utilizzando soldi pubblici fornisce vitto e alloggio ai clandestini che sbarcano in Italia e che furbescamente si dichiarano “profughi” al preciso scopo di essere mantenuti.

Lo storico albergo si affaccia sulla spiaggia e, come specificato nel relativo sito internet, possiede “camere dotate di tutti i comfort (bagno privato con doccia, aria climatizzata, riscaldamento, tv, telefono) per regalare un piacevolissimo soggiorno ai nostri graditi ospiti.”

La titolare della struttura, Antonella Ribuoli, ha spiegato che alla base della decisione ci sono esclusivamente ragioni economiche. Imposte troppo elevate e diminuzione del numero di turisti hanno reso la gestione poco conveniente, da qui la decisione di affittare alla Holiday, che in questi giorni ha preso possesso della struttura e sta ultimando i preparativi in attesa dell’arrivo dei “migranti”.

Gli ospiti che saranno alloggiati nell’albergo sono prevalentemente nigeriani e senegalesi, dunque clandestini a tutti gli effetti in quanto non ci sono guerre in quelle nazioni. Ma la qualifica di “profugo” non si nega a nessuno, il business creato intorno al fenomeno è molto redditizio. 

La stessa responsabile della società, che ha convertito in asilo per rifugiati il suo hotel Holiday e che ora gestisce 4 strutture compresa questa di Termoli,  cancella ogni dubbio sulla questione: «E’ conveniente, inutile fare gli ipocriti. E’ un modo per fronteggiare la crisi pesantissima del settore alberghiero. Nemmeno per me è stato facile, ma cosa avrei potuto fare se non si lavora più?»

L’obiettivo di Mare Nostrum è ormai chiaro a tutti: portare in Italia clandestini che possano soddisfare le esigenze degli albergatori in crisi. Il tutto avviene utilizzando soldi pubblici e sottraendo risorse alla collettività per arricchire dei privati. E’ una cosa molto grave.




Un pensiero su “Termoli: cento clandestini saranno mantenuti in albergo”

Lascia un commento