CNEL: “Disoccupazione reale oltre il 30%”

Condividi!

NESSUNA SPERANZA DA ORA AL 2020

“L’ipotesi di una discesa del tasso di disoccupazione ai livelli ‘pre-crisi’, ovvero intorno al 7%, sembra irrealizzabile perché richiederebbe la creazione da qui al 2020 di quasi 2 milioni di posti di lavoro”.

Lo rileva il Cnel, evidenziando anche che “nella definizione più ampia (più corretto definire ‘reale’, ovvero inclusi quelli che non cercano più lavoro perché non lo trovano da troppo tempo) il tasso di disoccupazione” è “giunto a superare il 30% nel 2013, senza peraltro mostrare segnali di rallentamento nella prima parte del 2014”.

Intanto ISTAT pubblica i dati di Agosto, e sono pessimi.

Ad agosto 2014, mese in cui molti disoccupati trovano un lavoro stagionale, gli occupati sono saliti di appena lo 0,1% rispetto al mese precedente (+32 mila) e diminuiscono (-10 mila)  rispetto all’Agosto del 2013.

Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 134 mila, diminuisce del 2,6% rispetto al mese precedente (-82 mila) e dello 0,9% su base annua (-28 mila).

Il tasso di disoccupazione è pari al 12,3%, in diminuzione di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali, ma solo perché il numero degli inattivi (chi ha perso lavoro da troppo tempo e viene escluso dalle statistiche dei disoccupati) aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente.

 




Un pensiero su “CNEL: “Disoccupazione reale oltre il 30%””

Lascia un commento