Retata alla Regione Lazio: 15 milioni di euro rubati dall’ospedale israelitico

Condividi!

COINVOLTO EX PRESIDENTE INPS MASTROPASQUA

Retata negli uffici della Regione Lazio, nella sede dell’ospedale Israelitico e in uffici della Asl.

Si tratta di un’operazione dei carabinieri del Nas su richiesta della Procura di Roma nell’ambito dell’indagine per una maxitruffa ai danni del Sistema sanitario nazionale.

Tra i dieci indagati figura anche il direttore generale dell’ospedale Israelitico, Antonio Mastrapasqua. Ex presidente dell’Inps.

L’indagine è lo sviluppo dell’inchiesta che coinvolse l’ex presidente dell’Inps nella sua veste di direttore generale dell’ospedale Israelitico.

Dai controlli emerse che tra il 2006 e il 2009 la richiesta di rimborsi alla Regione Lazio per “interventi falsi” da parte dell’ospedale Israelitico riguardava il 94% delle cartelle cliniche. Oltre 10mila i ricoveri fasulli.

L’ospedale israelitico si definisce ‘ente morale’, ed è posseduto al 100% dalla Comunità Ebraica di Roma, presieduta dal signor Riccardo Pacifici.

Solo pochi mesi fa, il presunto ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, aveva visitato l’ospedale, accompagnata proprio dal presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici, dal presidente dell’Unione Comunità ebraiche d’Italia Renzo Gattegna e dal presidente della struttura ospedaliera Aldo Piperno.

pacifici_mastropasqua_lorenzin_luglio2013

“Questo ospedale – aveva detto il ministro Lorenzin – è una struttura estremamente efficiente, sia dal punto di vista dell’accoglienza sia da un punto di vista organizzativo: un esempio da esportare”.

Se questo è un esempio da esportare…

“E’ una struttura in grado di rispondere a esigenze di qualità del servizio”, aveva rincarato la dose il celeberrimo Riccardo Pacifici. “Questo ospedale e’ l‘orgoglio della Comunità ebraica di Roma”, aveva concluso in modo malderstro Gattegna.

E’ tempo che gli ebrei di Roma si liberino di certi personaggi.

Intanto, a Febbraio di quest’anno, con un decreto ingiuntivo notificato  all’Ospedale Israelitico e alle Asl del Lazio, l’Inps ha chiesto indietro 42 milioni di euro di credito non saldato.

Vuole indietro i contributi non versati dalla clinica romana, 29 milioni, più le sanzioni e gli interessi di mora.

 




Un pensiero su “Retata alla Regione Lazio: 15 milioni di euro rubati dall’ospedale israelitico”

Lascia un commento