Parlamento Russia: media russi ai russi

Condividi!

Le società straniere non potranno possedere più del 20% nei media russi: lo prevede una legge approvata dalla Duma, il ramo basso del Parlamento.

Per le case editrici straniere si tratta di una vera e propria stangata. In particolare per il quotidiano economico Vedomosti e la versione russa di Forbes, entrambi filo-americani.

Tagliola anche sul Moscow Times e sui colossi come Axel Springer, Ctc Media, Burda, in gran parte legati a riviste glamour.
Quelle tutte gay e trans.

E’ una nuova risposta alle sanzioni Ue-Usa, ma anche una nuova idea di società.

E’ un processo, quello della protezione dei gioielli nazionali, che è opposto a quello in atto nei paesi Ue, Italia compresa. Con i Parlamenti tutti impegnati un’opera di svendita totale.




Un pensiero su “Parlamento Russia: media russi ai russi”

Lascia un commento