Altri 900 clandestini fatti sbarcare dalla vergognosa Marina Militare

Condividi!

La Marina Militare italiana, impegnata nell’operazione Mare Nostrum finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ha condotto questa mattina nel porto di Napoli la fregata Virginio Fasan, con a bordo quasi 900 clandestini raccolti in vari interventi effettuati nel Mediterraneo. 

Tra loro ci sono anche 117 minori non accompagnati che dovranno essere mantenuti a spese dei cittadini onesti al costo di 80 euro al giorno ciascuno. I primi a scendere a terra sono stati coloro che hanno bisogno di assistenza medica e che saranno visitati nelle apposite strutture sanitarie allestite sul posto. Non sono state rese note le malattie che potrebbero trasmettere alla popolazione.

La Campania dovrà occuparsi del mantenimento di 214 clandestini. Gli altri saranno accompagnati a bordo degli autobus, pagati dalla collettività, verso le altre regioni in questa misura: Abruzzo circa 55, Emilia circa 60, Lazio circa 50, Liguria circa 80, Lombardia circa 150, Marche circa 110, Toscana circa 80, Umbria circa 60.

Il governo Renzi-Alfano, con la distribuzione capillare dei clandestini di Mare Nostrum, cerca di favorire tutte quelle strutture ricettive che hanno fiutato il business criminale creato intorno al fenomeno. Più gruppi si formano e più saranno gli alberghi e le altre strutture che potranno mantenerli in cambio dei 45 euro al giorno rubati ai cittadini che lavorano.

La Marina Militare favorisce l’immigrazione clandestina, agevola il ritorno in Italia di malattie scomparse da decenni, è responsabile morale, e non solo, del degrado e della criminalità che i clandestini diffondono sul territorio dello Stato, e tutto avviene  nella più completa passività di questi sedicenti militari che ormai rappresentano una fonte di problemi per gli italiani.

Un cittadino onesto, nella situazione attuale, può solo provare vergogna per questa Marina Militare.

 

 




2 pensieri su “Altri 900 clandestini fatti sbarcare dalla vergognosa Marina Militare”

Lascia un commento