Pd chiede spaccio libero: “Basta criminalizzare spacciatori maghrebini”

Vox
Condividi!

Tutti noi conosciamo la relazione pericolosa che lega i Radicali (e ora il PD) allo speculatore George Soros, e tutti noi sappiamo che Soros è uno che ha investito molto sul tema:

Quindi non sorprende la ridicola presa di posizione della Bonino, eletta nelle file del PD, durante un’intervista su La7. Secondo lo scendiletto di Pannella, è ora di “farla finita di prendersela con gli spacciatori magrebini, l’emigrato spacciatore è una vittima di un sistema che non funziona, arrestarli non fermerà il degrado, la droga leggera deve essere legalizzata e loro regolamentati.”

Si, facciamo un bel decreto flussi per far entrare altri spacciatori, quelli che arrivano con Mare Nostrum sono troppo pochi. Del resto, Renzi vuole includere spaccio e prostituzione nel calcolo del Pil…

Vox

E’ evidente che gli speculatori alla Soros vogliono entrare nel mercato della droga. Ecco perché finanziano i politici abolizionisti.

In realtà, togliete la manodopera low-cost alla criminalità organizzata, e lo spaccio non sarà più così facile e redditizio. Lo si può fare bloccando l’immigrazione.

Ma è evidente che una popolazione di fumatori d’oppio, è molto più addomesticabile. E molto più prona a votare un partito di ladri e mezzuomini come il PD.

 




2 pensieri su “Pd chiede spaccio libero: “Basta criminalizzare spacciatori maghrebini””

  1. La signora degli aborti torna nuovamente a sparare cazzate sulla liberalizzazione della droga. Adesso difende pure gli spacciatori maghrebini che sarebbero vittime del sistema: cara “ammazza concepiti” sappi che i tuoi amati maghrebini fanno gli spacciatori, in primo luogo perché sanno che qui in Italia una volta arrestati tornano nuovamente a piede libero, e dunque a spacciare, e poi perché non sono quella manodopera di cui le nostre aziende avrebbero bisogno come dicono gli immigrazionisti imbecilli, ma delinquenti e parassiti della società, che di lavoro non ne mangiano neppure a brodo, e che piuttosto che lavorare onestamente per 1000 euro al mese, preferiscono guadagnarne 1000 al giorno per vendere morte.

    Liberalizziamo le droghe, così una volta che la droga é legale i consumatori aumenteranno a dismisura e diventiamo un popolo di tossicodipendenti.

    Accadrebbe dunque ciò che avvenne con la legalizzazione dell’aborto del 1978 tanto cara alla Bonino, un fenomeno circoscritto praticato clandestinamente fino ad allora, che una volta legalizzato divenne fenomeno di massa che nel giro di pochi anni fece sprofondare l’Italia nella crisi demografica, a tutt’oggi esistente se non aggravata.

I commenti sono chiusi.