Bologna: medici sanno che non è Ebola, prima di fare il test

Condividi!

CONTINUANO I CASI SOSPETTI DI EBOLA IN ITALIA E LE SMENTITE ‘PREVENTIVE’, PRIMA DEI RISULTATI DEI TEST

E’ il caso di Bologna, dove nei giorni scorsi, senza avvertire la cittadinanza del possibile contagio, un africano è stato ricoverato al Sant’Orsola. Senza le precauzioni necessarie in caso di Ebola.

In seguito alla segnalazione di un medico di base, nel cui ambulatorio si è presentato un nigeriano recentemente sbarcato in Italia, l’uomo è stato portato al policlinico Sant’Orsola e sottoposto ad una visita.

Nel giro di qualche ora è stata formulata la diagnosi: malaria.

Ora, si tratta dell’ennesimo caso in cui le autorità non prendono adeguate precauzioni, e smentiscono un possibile caso di contagio, prima di averne certezza. Perché? Semplicemente perché il test necessario a smentire tale contagio impiega minimo 24 ore.

Inoltre, la febbre emorragica da Ebola viene generalmente diagnosticata tramite test ELISA (Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay), che tuttavia fornisce risultati ambigui durante le fasi non epidemiche.

Quindi per avere certezza, ci vuole tempo. Non certo poche ore.

Infatti, si è poi appreso che solo giorni dopo, precisamente giovedì scorso, si è stati certi della diagnosi di malaria.

Quindi per giorni, un possibile infetto da Ebola è stato ritenuto non infetto. Con tutti i rischi del caso. Se infatti il test ne avesse rivelato la positività, cosa sarebbe accaduto? Il virus avrebbe avuto tutto il tempo di propagarsi.

Ricordiamo che in altri paesi europei, i possibili contagiati vengono subito trasportati in apposite ambulanze e tenuti in isolamento. E’ accaduto a Berlino. E’ accaduto ad Alicante. Non è accaduto a Bologna.

Le autorità sanitarie italiane sono completamente inaffidabile. Per un motivo semplice: sono di nomina politica.




3 pensieri su “Bologna: medici sanno che non è Ebola, prima di fare il test”

  1. E su questo é chiaro che quelle dell’Emilia-Romagna, regione “rossa” da sempre, sono nomine politiche del PD, partito che ama negare il problema ebola.

    Quand’é che finalmente la gente di questa regione capirà che non deve più votare a sinistra?

Lascia un commento