Ebola: clandestini infetti diretti in Italia bloccati in Albania –

Condividi!

La polizia albanese ha arrestato 40 immigrati clandestini provenienti dall’Africa oggi, cinque dei quali sono in quarantena con sintomi di Ebola. Lo afferma il quotidiano macedone Vecer. La notizia è stata ripresa da Newsweek.

La polizia sospetta che i cinque siano eritrei, come molti raccattati da Mare Nostrum.

Sono rinchiusi in isolamento nell’ospedale della città albanese di Valona da dove partono le navi dirette in Puglia.

La notizia arriva dopo che un africano è stato messo in quarantena in Montenegro proveniente da un paese dell’Africa occidentale.

Nel tentativo di prevenire la diffusione di Ebola, le autorità serbe hanno messo attualmente 14 immigrati sotto sorveglianza medica, sono provenienti da Liberia, Sierra Leone, Guinea e Nigeria. Lo riferisce il quotidiano bulgaro Standart.

Questi africani rimarranno sotto osservazione per il periodo di incubazione di 21 giorni del virus Ebola.

I clandestini erano in attesa di essere traghettati attraverso l’Adriatico in Italia da trafficanti di esseri umani.




3 pensieri su “Ebola: clandestini infetti diretti in Italia bloccati in Albania –”

  1. Dobbiamo ringraziare la polizia albanese? A quanto pare sì, visto che la nostra Guardia Costiera su ordine del governo abusivo italiano con l’operazione Mare Nostrum, fa tutto l’esatto contrario, cioè che invece di respingere le navi di clandestini, aiuta costoro a invadere il nostro territorio.

    Facciamo davvero pena, non c’é che dire: l’Albania che é un paese in via di sviluppo, ha delle forze armate efficienti che bloccano i clandestini e quelli infetti li isola e li mette in quarantena per evitare che possano contagiare i suoi cittadini, l’Italia invece elude qualsiasi controllo e fa entrare chiunque, fottendosene altamente della salute dei suoi cittadini.

    Vergogna!

Lascia un commento